venerdì, gennaio 27, 2006


PA - SIYAM
Di Erik Matti - Filippine 2004


Lo spettro di una donna anziana tiene prigionieri i suoi familiari, giunti nella sua casa per la veglia funebre: per andarsene dovranno scoprire chi l' ha uccisa davvero.
Dopo " Prosti " e " Gagamboy", il regista filippino torna ad atmosfere più horror, ma non disdegna anche una parentesi sociale ( gli anziani abbandonati dalla propria famiglia ), forse per aggirare una censura più severa dopo l' arrivo al governo della Arrojo ( il regista si è visto tagliato fuori dalle major, tanto da doversi co - produrre il film ). Le atmosfere non giocano tanto sulla paura, quanto più sul disgusto, visto l' uso di secrezioni corporee ( vomito, feci ) a prendere il posto del più classico sangue. Se l' idea non è da buttare, anzi, la resa finale purtroppo delude su tutte le aspettative: regia oltremodo noiosa, resa dozzinale, attori inadeguati dentro personaggi dallo spessore nullo; Matti vorrebbe creare un' atmosfera inquietante, ma, visti i risultati, manca di autoironia prendendosi troppo sul serio e dallo spettatore non ottiene altro che risate involontarie.


1 Comments:

Anonymous Fringe said...

Link aggiornato :))

11:19 AM  

Posta un commento

<< Home