giovedì, settembre 07, 2006


BALLISTIC KISS
Di Donnie Yen - Hong Kong 1998

Cat è un killer fortissimo, malinconico e che medita di ritirarsi dall' attività. Dopo il suo ultimo lavoro però, dovrà vedersela con una tenace e bellissima poliziotta e contro un gangster temibile e scortato da un poliziotto corrotto...
Torakiki è uno spettatore paziente, vivace e che medita di ritirarsi dall' attività. Dopo l' ultimo film visionato però, dovrà vedersela con una tenace saturazione di palle e con un' emicrania terribile...
...Già perchè Yen decide, al suo secondo lavoro, di trasportare la sua bravura tecnica e marziale nell' hard - boiled e come fonte di ispirazione prende a piene mani il cinema di Woo. Nella sua testolina, l' equazione è semplice: scena d' azione stilosa = ralenti. Già che c' era, ne aggiunge anche il corollario: film stiloso = ralenti dall' inizio alla fine. Donnie gira un film di 45', lo rallenta TUTTO, lo edita come un film da 90', lo condisce con una colonna sonora vomitevole e sempre presente. Lo spettatore, capito il trucco, non regge ad un protagonista che balla da solo, sempre triste, che si confida candido in radio, che si mette con la poliziotta figa ( la taiwanese Annie Wu, doppiata malissimo! ) e contro il poliziotto corrotto che, ehi, è da tanto che non ci vediamo, dall' ultima volta che mi hai tradito, adesso me la paghi ecc ecc. Un concentrato di banalità assurde, personaggi fotocopia e una regia da encefalogramma piatto. Caliamo un velo anche sulle scene d' azione, ben studiate, ma troppo grottesche e, sia dannato, al ralenti! Condire tutto con un finale pietoso e servire freddo. Da regalare al vostro peggior nemico.

2 Comments:

Anonymous rob said...

Saluti!

Ciaoo Rob

2:13 PM  
Anonymous Anonimo said...

Why don't you stop stealing screenshots and make your own?

10:22 PM  

Posta un commento

<< Home