martedì, aprile 04, 2006


ICHI THE KILLER
Di Miike Takashi - Giappone 2001

Si rimane senza parole, dopo aver visto questo film. Difficilmente si riuscirà ad oltrepassare la soglia di violenze, torture e brutalità presenti in Ichi the Killer. Miike Takashi trova pane per i propri denti nel fumetto di Hideo Yamamoto ( qua direttore della fotografia ) e non si fa pregare nel mettere in scena efferatezze di ogni tipo: lingue amputate, capezzoli tagliati, gole recise con immancabili geyser di sangue, gambe, braccia, organi ovunque. Lontano comunque dalle estetiche gratuitamente dementi tipiche dei films splatter, Miike trasporta il suo mondo di orrori nella Tokyo odierna, dove il braccio destro di un capo Yakuza scomparso rivolterà la città per trovare l' unico uomo in grado di farlo godere picchiandolo, salvo poi scoprire che è stato brutalmente fatto a pezzi da Ichi, ragazzino idiota dalla doppia personalità capace di diventare un killer sadico senza rispetto per nessuno. Sembrerebbe così un filmetto sanguinolento fatto bene e basta, ma non è così. Ichi the Killer è un concentrato di trovate geniali, fotografia desaturata, ironia fumettosa, cinismo esasperato e una freddezza oltremodo disturbante, capace di dare un' impressione di normalità ad una pellicola che fa dell' eccesso la sua ragione di vita. Un film tutto sommato sgradevole, difficilmente digeribile ma allo stesso tempo ipnotico, capace di tenere lo spettatore con il fiato sospeso in attesa dell' ennesimo, riuscitissimo colpo di scena. Imperdibile per chiunque abbia lo stomaco forte. Consigliata la versione Olandese, priva di tutte quelle censure che hanno colpito questo film in giro per il mondo. In Italia, ovviamente, non si è visto manco col binocolo. Partecipazione straordinaria di Shinya Tsukamoto e Tanaka Sabu in due ruoli minori.

6 Comments:

Anonymous ilaria said...

L'ho visto censurato e non credo di essermi mai ripresa.

Ila.

5:15 PM  
Anonymous cicciopasticcio said...

sto film è una figata micidiale, un inutile concentrato di violenza che ti spiazza fin dall'inizio. non sai se crederci o meno, inorridire o ridere, la resa scenica è magistrale, le allucinazioni (vedi tsukamoto) sono inquuietanti. allucinante.

11:07 PM  
Anonymous Pancio said...

Grandioso! Mai visto niente del genere...Il protagonista carnefice (apparentemente) involontario fa sbellicare dalle risate e il cattivo....è perfetto. Mitica la scena in cui Shinya Tsukamoto si gonfia di muscoli come un culturista anabolizzato. Da vedere

1:00 PM  
Anonymous Bauzer said...

Notevole.
Visionate solo al versione UNCUT.

3:05 PM  
Anonymous Anonimo said...

non posso credere che la versione che ho visto sia censurata. un concentrato di cinismo, cruda violenza, genio ma soprattutto sangue!

12:20 AM  
Anonymous Zenn said...

oggi mi sono stupito trovandolo alla feltrinelli...

10:09 PM  

Posta un commento

<< Home