lunedì, settembre 04, 2006


TWINS DRAGONS
Di Tsui Hark e Ringo Lam - Hong Kong 1992

Due neonati vengono divisi da piccoli a causa di un incidente all’ ospedale: uno crescerà a New York e diverrà un pianista famoso, l’ altro rimarrà ad Hong Kong e farà il meccanico, oltreche essere molto bravo a tirar pugni. Quando il pianista arriverà ad Hong Kong per un concerto, il suo destino si incrocerà con quello del fratello gemello, nei guai con un boss della mala…
I films con Jackie Chan sono sempre una sfida per qualsiasi regista: difficile non cadere nel carisma del protagonista e, soprattutto, è veramente arduo differenziare il proprio prodotto da tutti quelli girati dal nostro. Il caso di Hark e Lam, purtroppo, non si discosta da quanto detto sopra: due grandi registi, un grande personaggio ( sdoppiato in due ruoli ), un film meno che riuscito. Twins Dragons è terribilmente fiacco e senz’ anima, privo di mordente, piatto e noioso; i due registi non fanno mai decollare la pellicola e, come Wong Jing prima ( con l’ orribile City Hunter ) e Vincent Kok poi ( con il discutibile Gorgeus ), rimangono prigionieri del loro protagonista e il film sembra puzzare terribilmente di commissione; senza contare l’ azione, assolutamente nulla di che e con coreografie discutibili girate malvolentieri. Alla fine sembra uno dei molti ( e dei più brutti ) films di Chan, ma due registi del loro calibro avrebbero dovuto e potuto dare molto, ma molto di più. Per assurdo, il film Double Impact con Van Damme, preso a piene mani da questo, è molto più riuscito. Peccato.


1 Comments:

Anonymous Valeria said...

[In riferimento al discorso "cinema asiatico vs cinema occidentale"]
Sono perfettamente d'accordo che commentando film occidentali si rischia di cadere nel già detto, dato che un determinato film nel giro di pochi giorni l'han già visto quasi tutti.
Ma se penso al cinema asiatico, mi vengono in mente film come "Ferro 3", "La locanda della felicità", film giapponesi come "Acqua tiepida sotto un ponte rosso", quelli d'animazione di Miyazaki e quelli di Kitano(il cinema made in Japan lo seguo di più). Ecco, tutti film con meno scazzottate e mosse di karate.

Valeria

7:22 PM  

Posta un commento

<< Home