martedì, luglio 22, 2008



THE MACHINE GIRL

Di Noboro Iguchi - Giappone 2008

Ami si è vista uccidere il fratellino da una banda di teppistelli capeggiati da un ragazzino yakuza. Dopo aver fatto visita alla famiglia in questione, Ami si trova pure senza un braccio, che sostituirà con un mitragliatore gigantesco. Scatterà la vendetta, scorrerà il sangue...
Iguchi ha un' idea particolare di cinema, fatta di particolari citazioni e che non lesina assolutamente nell' emoglobina, sparata al massimo ad ogni taglio o lacerazione presente nel film. Peccato che la sua idea di citazione siano Tarantino e Kill Bill, che per inteso citavano essi stessi il cinema giapponese, e che il gioco di specchi oltre che pericoloso risulti molto fastidioso, con attori giapponesi che si comportano come il più stereotipato personaggio dei fumetti, pronto da dare in pasto all' ennesimo ignorante fruitore di cinema americano. Già perchè produce Media Blaster, come per Meatball Machine, e i dolori iniziano poco dopo i primi minuti. Se qua abbiamo più ritmo e più voglia di prendersi poco sul serio, viste le numerosissime sequenze oltremodo splatter, rimane comunque un senso di noia a permeare tutto quello che non siano sbudellamenti, con personaggi piattissimi e situazioni che si svolgono in poche sequenze, senza contare i combattimenti, tanto dozzinali quanto frequenti. Il problema non è comunque il film in sè, per quanto gli stessi sbudellamenti ( più di una ventina, di cui almeno sette con la motosega ) diventino verso la fine frastornanti ( vedasi le inquadrature insistite e nausenanti ), ma nell' idea stessa che questo cinema vuole trasmettere: merda da esportazione, e altro titolo non si merita. Siamo di nuovo lontani sia dall' idea che dall' estetica che questo cinema vorrebbe ricordare, e nemmeno nel campo dell' intrattenimento puro e semplice si colpisce nel segno, riuscendo ad allungare a 96' uno script di nemmeno 30'. Un peccato, sul serio. Se con Meatball Mahine si è giunti al fondo del barile, è con Machine Girl che si comincia a scavare.


7 Comments:

Blogger Weltall said...

Oh cacchio!!!
Me l'hai proprio fatto a pezzi questo film (così rimaniamo pure in tema ^__*)!!!
Quando la definisci "merda da esportazione" sono anche d'accordo ma non riesco ad essere cattivo quando la merda è così divertente e disimpegnata.
Voglio dire, Machine Girl è un film che non mette in moto neanche mezzo neurone e lo guardi solamente per vedere un susseguirsi anche insensato di efferatezze (ed in effetti le parti narrative senza sangue sono anche noiose).
Dopo la scena iniziale non credevo che il film potesse dare qualcosa di più e invece va in crescendo, cercando qualche nuova mutilazione da mostrarci...sono completamente pazzo vero? ^__^

Ma lasciamo stare 'sto filmetto: mi sono procurato Songs From The Second Floor e spero di vederlo tra oggi e domani ^___^

8:55 AM  
Blogger Torakiki said...

Mi son posto con il più gentile degli animi. Sul serio, volevo solo divertirmi. Mi è venuto il mal di testa. Le scene splatter sono carine, ma sono troppe ( mai avrei pensato di pensarlo! ) e troppo estenuanti ( 8 secondi di camera che zomma continuamente sulla gamba amputata e giù schizzi, son troppi anche per me ). Poi comunque è condito di tutto quello che ti aspetti da un film " giappo fuori ". No no no, Weltall, per me non ci siamo proprio ^^

Comunque Songs spero ti piaccia, dure pure giusto, 90 min circa!

^^

9:16 AM  
Blogger Torakiki said...

Mi son posto con il più gentile degli animi. Sul serio, volevo solo divertirmi. Mi è venuto il mal di testa. Le scene splatter sono carine, ma sono troppe ( mai avrei pensato di pensarlo! ) e troppo estenuanti ( 8 secondi di camera che zomma continuamente sulla gamba amputata e giù schizzi, son troppi anche per me ). Poi comunque è condito di tutto quello che ti aspetti da un film " giappo fuori ". No no no, Weltall, per me non ci siamo proprio ^^

Comunque Songs spero ti piaccia, dura pure giusto, 90 min circa!

^^

9:16 AM  
Anonymous kekkoz said...

Ma nuh!

9:27 AM  
Blogger Torakiki said...

@ Kekkoz: Se con Nuh intendevi un piccolo disappunto, l' ho avuto anch' io. E sì che la tua recensione mi aveva invogliato...

9:53 AM  
Anonymous Cineblob said...

Chissà cosa si trova scavando ancora di più (Tokyo Gore Police) ^^

3:08 AM  
Anonymous Anonimo said...

Sto film è pieno di riferimenti al grande cinema italiano (fulci, margheriti...Pertanto il cinema italiano vero, non le cagate neorealiste)prima che a Tarantino...Mi chiedo come tu abbia potuto non citarli...Non sarà il massimo, ma è degno di attenzione, tu che sei un esperto di cinema avresti dovuto dirle queste cose.

4:39 PM  

Posta un commento

<< Home